Lom.Auto Altamura
martedì 4 Ottobre 2022

Treno di PERTURBAZIONI artiche fino all’Immacolata

La tregua stabile e soleggiata su Puglia e Basilicata è finita. Una prima perturbazione nord-atlantica ha fatto il suo ingresso nel Tirreno portando forte maltempo su Toscana, Umbria, Lazio ed alta Campania. Un copione atmosferico visto più volte in questa ultima parte di autunno.

La depressione nel corso delle ore si sposterà verso levante andando a coinvolgere anche i settori occidentali della Basilicata e tutta la Puglia. Il vento, già moderato, sarà in ulteriore rinforzo dai quadranti occidentali.

Dunque, dalla tarda serata di oggi avremo un peggioramento delle condizioni del tempo a partire dal potentino, Monti Dauni e Gargano, con piogge e temporali di forte intensità. Poi, nella notte e nella prima parte di venerdì, la nuvolosità di tipo irregolare sopraggiungerà sulla provincia della bat e barese con piogge moderate a carattere sparso, maltempo che nel pomeriggio investirà anche i settori meridionali salentini e l’arco jonico materano-tarantino.

Sarà una perturbazione incisiva ma molto rapida, dalla sera assisteremo ad un temporaneo abbassamento della temperatura e già sabato il cielo si presenterà poco nuvoloso su gran parte del territorio appulo-lucano. Non sono attesi fenomeni di rilievo. Ma la pausa durerà meno di 24 ore.

Domenica è previsto l’arrivo del secondo “treno perturbato”, un affondo di aria artico-marittima nel cuore dell’Italia, questa volta più corposo ed instabile, che porterà maltempo nelle giornate del 6 e 7 dicembre dando luogo ad un notevole calo delle temperature; infatti tornerà la neve in Appennino intorno agli 800-1000 metri. La saccatura artica sarà accompagnata da venti di maestrale che soffieranno forti specialmente lungo l’Adriatico meridionale.

L’8 dicembre, festa dell’Immacolata, il tempo dovrebbe volgere al bello in un contesto termico ancora abbastanza fresco e ventilato, ma vista la distanza temporale raccomandiamo di seguire gli aggiornamenti con le previsioni quotidiane.

La Redazione