Lom.Auto Altamura
venerdì 30 Settembre 2022

Altre 48 ore di freddo artico, da lunedì LENTO AUMENTO delle temperature

La circolazione retrograda di natura artico-continentale insiste sull’est Europa, determinando forti nevicate e temperature gelide in Turchia, Romania, Bulgaria e purtroppo anche sulle zone martoriate dalla guerra. Gli spifferi freddi, in maniera più attenuata, raggiungono l’Italia meridionale dove la colonnina di mercurio si mantiene su valori decisamente invernali.

Il corridoio artico ci porterà un week-end molto freddo ma con tempo stabile e ampiamente soleggiato. Le temperature massime sia oggi che domani difficilmente supereranno i 7-10°c su Puglia e Basilicata, mentre le minime serali crolleranno fino a portarsi vicino allo 0 in pianura, addirittura tra -1 e -4°c sulle zone interne murgiane, dei monti foggiani ed Appennino lucano. Aria secca e rigida, un clima da metà gennaio, possibili gelate durante la notte e al primo mattino.

Da domenica l’alta pressione inizierà a guadagnare terreno verso l’Italia, avremo una leggera ripresa termica durante il giorno sulle nostre regioni grazie ad un sole marzolino sempre più alto, si toccheranno i 9-12°c in un contesto di cielo sereno o poco nuvoloso. La ventilazione, per tutto il week-end, sarà prevalentemente orientale e di intensità debole/moderata.

L’inizio della settimana sancirà invece un aumento graduale delle temperature. Lunedì 14 marzo la rimonta anticiclonica avrà allontanato gli ultimi refoli balcanici, garantendo cieli limpidi e una rotazione delle correnti dai quadranti meridionali. L’anticiclone raggiungerà i massimi pressori di 1035hpa tra martedì e mercoledì (in foto), quando altra aria calda in arrivo da sud porterà un ulteriore rialzo termico, con punte di 15-17°c su diverse località appulo-lucane. Le minime serali e alle prime luci dell’alba si manterranno intorno ai 3-6°c, valori ancora abbastanza freddi per il periodo.

Dunque, lentamente ritorneranno su Puglia e Basilicata belle giornate dal clima mite tipico di metà marzo, senza però farci grosse illusioni di una spedita ripartenza primaverile e di prolungati tepori.

Infatti da giovedì/venerdì prossimi la situazione meteo potrebbe nuovamente cambiare, i modelli fisico-matematici vedono scricchiolare l’alta pressione sotto l’afflusso di aria fredda da est e una confluenza umida da ovest, che potrebbe generare una nuova fase di maltempo su alcune regioni italiane. Situazione da monitorare nei prossimi aggiornamenti.

La Redazione