Lom.Auto Altamura
sabato 3 Dicembre 2022

GOCCIA FREDDA da est, sabato e domenica calo termico e pioggia

Anche quest’anno manca l’autunno atlantico, le grandi perturbazioni da ovest sbattono contro il muro dell’alta pressione e si fermano sul nord Europa. Qualcosa riesce a sconfinare sul nord-ovest d’Italia determinando deboli piogge e nevicate in montagna. È un anticiclone coriaceo, disteso per migliaia di km su tutto il Continente, con i massimi pressori fino a 1035hpa sulla Germania. Un colosso difficile da smuovere che sta portando la classica novembrata, o estate di San Martino, caratterizzata da cieli sereni, nebbie mattutine e temperature molto gradevoli durante il giorno.

La campana anticiclonica, seppur indebolita sul lato orientale, avvolge anche la Puglia e la Basilicata, ma lo scenario meteo è destinato a cambiare a causa dell’ingresso di una goccia fredda dai Balcani (in foto) che farà abbassare le temperature soprattutto sabato e domenica. L’aria artica in quota e i venti tesi di tramontana favoriranno altresì la formazione di annuvolamenti compatti e instabilità locale con piogge e temporali. Si rivedranno i fiocchi di neve in Appennino oltre i 1500-1800 metri.

Dunque, fino a venerdì 11 novembre ci farà compagnia il tempo stabile e soleggiato in un contesto termico nella norma del periodo, dal pomeriggio avvertiremo i primi segnali del cambiamento atmosferico con il rinforzo dei venti settentrionali. Sabato mattina il vortice depressionario dai Balcani attraverserà il Canale d’Otranto, seguito da un forte flusso di correnti da est e da piogge sparse in serata sul Salento e zone interne appulo-lucane. Previsto un crollo delle temperature di 5-7 gradi.

Clima invernale in accentuazione nella giornata di domenica (max 11/14°c min. 9/12°c), quando la perturbazione sfonderà sul Tirreno richiamando altra aria fredda da est, e le piogge a carattere irregolare si concentreranno soprattuto sulla Puglia centro-meridionale e in Basilicata. La nuvolosità insisterà sulle nostre regioni fino a lunedì ma con fenomeni confinati principalmente sul Salento, la tendenza sarà verso un generale miglioramento accompagnato da un lento rialzo delle temperature.

La Redazione