Lom.Auto Altamura
martedì 4 Ottobre 2022

FIAMMATA ANTICICLONICA ad oltranza ed è già PIENA ESTATE

Quando si tratta di inquadrare le alte pressioni, i principali centri di calcolo difficilmente sbagliano, sono quasi sempre tutti concordi. Statisticamente, è più semplice prevedere il caldo rispetto al freddo. Dunque, l’ipotesi della prima fiammata estiva duratura sembra avere alte possibilità di realizzazione a medio-lungo termine.

La circolazione atmosferica nel Mediterraneo ha già assunto connotati tipicamente estivi, mentre nel nord Europa resiste un centro di bassa pressione che invia perturbazioni a carattere freddo ed umido. Copiose nevicate si registrano ancora in Scandinavia a latitudini polari.

La campana anticiclonica che ci protegge dalle perturbazioni, alimentata da aria calda di matrice oceanica, garantirà una serie di giornate ampiamente soleggiate e dal sapore estivo, con i termometri pronti a raggiungere i 30 gradi sulle nostre regioni. Un aumento termico graduale ma costante che ci proietterà in pieno clima da spiaggia e tintarella al mare.

Per il prossimo week-end l’alta pressione sarà il protagonista indiscusso del meteo appulo-lucano: cieli azzurri e limpidi al mattino, qualche nuvola di passaggio durante le ore pomeridiane e serate gradevolissime da trascorrere all’aperto, specialmente lungo le coste. Sole a palla da Peschici a Leuca, passando da Potenza e i litoranei metapontini, un fine settimana dove la colonnina di mercurio si porterà intorno ai 27-30°c, mentre dopo il tramonto si scenderà su valori prossimi ai 17-20°c, temperature degne della prima decade di giugno.

La componente azzorriana dell’anticiclone, più fresco e ventilato rispetto alla graticola umida africana, manterrà il clima piacevole senza particolari eccessi e pericolo di afa. E rilancerà la sua azione anche per la prossima settimana, forse disturbato da infiltrazioni di aria fresca tra il 18 e 20 maggio, assumendo così carattere di persistenza e aggravando lo stato già critico di siccità che da mesi attanaglia ormai tutta l’Italia.

La Redazione