Lom.Auto Altamura
giovedì 22 Febbraio 2024

I frutti di fine agosto: è tempo di uva e fichi d’india

Dal greco Ampelos, ampeloterapia: terapia con l’uva. Mangiare due volte la settimana solo uva rigenera e disintossica a livello epatico e renale.

La natura ci offre a fine estate questa grande opportunità. Nel mezzogiorno d’Italia e in particolare in Puglia se ne producono molte varietà. Ottimo il succo d’uva rinfrescante e corroborante con benefiche azioni sul sistema cardiocircolatorio (vitis vinifera). Il suo alto contenuto in antocianine, bioflavonoidi, tannini ad azione antiossidante, vitaminico e di sali minerali, oltre che di zuccheri buoni e grande quantità di acqua, schermano gli effetti nocivi delle radiazioni ultraviolette nella stagione estiva proteggendo cute, capelli, denti e organi vitali. 

Dopo una giornata di attività all’aperto e di esposizione al sole, niente di meglio che un bel grappolo d’uva o succo d’uva bianca o nera, ottima mangiata anche a fine pasto come benefica frutta di stagione idratante e reintegrante

I fichi d’india (attenzione nel coglierli – premunirsi di un guanto) nella varietà verdi o rossi, questi ultimi più ricchi di vit. C, contengono fibre, zuccheri buoni, carotenoidi, potassio, antociani, calcio e magnesio. Hanno potere antidiabetico, antinfiammatorio, idratante, dissetante e svolgono una importante azione regolarizzante le funzioni intestinali contro la stipsi, sempre mangiati in quantità moderate.

A cura di Giovanni Incampo – cardiologo